Top

LUCE MUSIC FESTIVAL. APPRODI MUSICALI

“Affiorano i canti, i ritmi e il contagioso ballo.
Non ho uso di tatuaggi,
la mia superficie riporta solo i segni degli anni.
Ma gli avvenimenti del mondo che mi hanno coinvolto fisicamente,
mi hanno inciso tatuaggi dalla parte interna della pelle.
Abito dentro la mia, posso percepirli e li distinguo.
Ho disegni scritti sul lato che non scolorisce”.
Erri De Luca
(Se i delfini venissero in aiuto)

 

Fanfara, Ulixes S.C.S. e Urem presentano LUCE MUSIC FESTIVAL. APPRODI MUSICALI progetto vincitore dell’Avviso pubblico Spettacolo dal Vivo e Residenze artistiche promosso dalla Regione Puglia: un festival itinerante che attiverà iniziative pluricentriche, portando eventi di musica live, con artisti nazionali e internazionali, su tutto il territorio regionale.
La direzione artistica del Festival è affidata a Moni Ovadia: attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante italiano affiancato, nella condirezione, da Cosimo Damiano Damato, poeta, sceneggiatore, drammaturgo e regista. Luce Music Festival è un progetto triennale, un viaggio nei porti pugliesi, un attraversamento musicale, formativo e culturale che coinvolge il tacco d’Italia con l’obiettivo di realizzare spettacoli live e attività collaterali in alcune delle sei province della Regione, tra le location toccate da questo itinerario ci sono le città di Bari, Bisceglie, Molfetta, Monopoli e Santa Cesarea Terme.
La scelta pluricentrica è strettamente connessa al tema del viaggio e al porto come luogo di partenza e approdo, di scambio e di vitalità culturale. Così Luce Music Festival. Approdi musicali intende proporsi come spazio di collegamento fra diverse realtà del territorio pugliese, tenute insieme e legate fra loro dalla presenza del mare. Il collegamento, il filo rosso che lega insieme territori diversi – dall’Adriatico allo Ionio, dalla Daunia al Salento – sarà un’imbarcazione che viaggerà di porto in porto, di tappa in tappa, realizzando nel concreto il viaggio musicale che il progetto propone, toccando i diversi centri coinvolti. Ogni tappa sarà un approdo verso una nuova meta arricchendo di volta in volta il viaggio percorso dal Festival.

“… levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite” seguendo l’esortazione di Mark Twain il Luce Music Festival. Approdi musicali si presenta come un viaggio, un insieme di approdi e ripartenze. Le sette città coinvolte, pur molto diverse fra loro, diventano espressione di un unico percorso artistico, che coinvolge in una logica paritaria realtà differenti: il grande porto industriale e il piccolo porto turistico, il porto a vocazione internazionale e il porto strettamente legato all’economia del territorio.
Il carattere pluricentrico del progetto vuole ribadire la necessità di garantire la massima diffusione e la massima accessibilità degli eventi di musica live, e di cultura in genere, su tutto il territorio regionale, così da garantire un’offerta musicale e culturale diffusa su un territorio il più ampio possibile.
Il porto, antico luogo di scambio economico e culturale, ritorna ad essere protagonista in questa operazione di rigenerazione urbana attenta alla valenza storica dei centri portuali vero e proprio patrimonio storico e culturale della Regione.
Il porto è uno spazio identitario della Puglia e i viaggi in mare a cui esso rimanda, sono stati da sempre al centro della riflessione di artisti, letterati, poeti e musicisti. Luce Music Festival. Approdi musicali recupera questa lunga tradizione artistica e la reinterpreta in chiave nuova, con nuovi linguaggi artistici, nuove proposte, nuovi target di riferimento: giovani, famiglie, artisti, operatori e appassionati di musica.

 

La programmazione di Luce Music Festival. Approdi musicali
La programmazione del Festival è triennale con diverse tappe e attività previste in numerose città portuali della Regione Puglia. Gli eventi saranno legati fra loro, metaforicamente e non solo, da una imbarcazione che si muoverà di porto in porto per segnalare l’arrivo, e poi la ripartenza, della proposta di musica e di cultura che si andrà a realizzare.
Per ogni tappa sono previste due giornate di attività; l’allestimento del villaggio L’APPRODO DEI RAGAZZI con due mostre didattiche (una a tema ambientale, l’altra a tema storicosociale), in alcune tappe andrà in scena lo spettacolo teatrale a cura della compagnia Fatti d’Arte tratto da La Sirenetta e i rifiuti in fondo al mar, dal testo di Chiara Cannito, edito da Quorum, una rilettura in chiave ecologista della celebre fiaba di Andersen in altre tappe, sempre i Fatti d’Arte, la performance itinerante: Ci scusiamo per il ritardo. Storie di viaggi avvenuti, verosimili e surreali per un immaginario comune; Ulixes scs cura le attività del villaggio L’approdo dei ragazzi con iniziative gratuite per il pubblico.
All’arrivo della imbarcazione, è previsto un momento di festa, accoglienza e musica, di promozione sul territorio dell’attività legata agli eventi che caratterizzano le due giornate della tappa. In programma anche i reading musicali, sulla banchina del porto che ospita la tappa, il tema sarà il mare, il porto e il viaggio, con brani tratti da classici della letteratura internazionale. Il programma triennale è vasto ed eterogeneo e si articola in numerosi appuntamenti, annunciati in occasione della conferenza stampa gli eventi che animeranno l’estate 2018, dal 24 maggio al 26 agosto. Il primo reading musicale di e con Moni Ovadia e Erri De Luca, per la regia di Cosimo Damiano Damato è proprio sul tema del viaggio.
Nelle successive tappe, i testi saranno a cura del comitato scientifico del festival, con il contributo dei docenti dell’Università degli Studi di Bari con letture ed esecuzioni musicali affidate ad artisti come Alessandro Haber e Bianca Guaccero. I reading musicali si terranno sulla banchina del porto che ospita la tappa, a conferma dello stretto legame di significante/significato fra i contenuti e la location. Nella serata della seconda giornata sarà la volta del main event di musica live, con artisti di caratura nazionale o internazionale: Francesco De Gregori, Fabrizio Moro e Ermal Meta; spaziando per una programmazione eterogenea e di qualità indiscussa attraverso la selezione di artisti di fama mondiale come Paul Kalkbrenner e altri grandi nomi della musica elettronica tra cui Luca Agnelli, San Proper e Raffaele Attanasio, dj di fama internazionale.
Luce Music Festival. Approdi musicali attraverso strategie multimediali e di formazione intende ampliare il target dello spettacolo dal vivo con un coinvolgimento diretto della cittadinanza tramite attività collaterali partecipate e attivando un contest musicale, una campagnia di crowdfunding e servizi di car sharing.